LA TRAGEDIA ANNUNCIATA DI ISCHIA ED I CAMBIAMENTI CLIMATICI Catello Masullo PDF Stampa E-mail

LA TRAGEDIA ANNUNCIATA DI ISCHIA ED I CAMBIAMENTI CLIMATICI

Catello Masullo

 

Sono stupito del fatto che la brutale aggressione della Russia all'Ucraina non sia stata attribuita ai cosiddetti “cambiamenti climatici”.  Perché, oramai, qualsiasi tipo di catastrofe, sui media, e, ovviamente nel senso comune, è colpa dei cambiamenti climatici.  Una straordinaria bacchetta magica per cancellare tutte le lampanti responsabilità di singoli individui che sono dietro a (quasi) tutte le catastrofi.

Quella di Ischia, terribile e raccapricciante, è una delle tante catastrofi annunciate.  Preceduta da (tante) altre analoghe, ed anche esattamente negli stessi luoghi, del passato più o meno recente.

I titoloni sono sempre gli stessi, ad ogni occasione: evento senza precedenti, pioggia mai registrata prima.  E, d'altra parte, è sotto gli occhi di tutti che le catastrofi idrogeologiche, con ingenti danni a persone e cose, sono sempre più frequenti negli ultimi decenni.  Ma non è vero che sono causate dai cambiamenti climatici.

Provo a dimostrarlo, con dati semplici ed inoppugnabili e qualche esempio esemplificativo.

Cominciamo dai dati di pioggia.  A scatenare l'inferno di Ischia è stata una pioggia di 120 millimetri di acqua in due ore.

Leggi tutto...
 
 
© 2022 Il Parere dell ingegnere

Il Parere dell'Ingegnere è una testata giornalistica registrata con Autorizzazione del Tribunale di Roma N. 500 del 29/12/2006
ISSN 2281-5554