TV generalista e interattiva: come sarÓ il palinsesto del futuro? PDF Stampa E-mail
TV generalista e interattiva: come sarà il palinsesto del futuro?
Interessante momento di riflessione e confronto durante la MasterClass
organizzata dal Festival dei Tulipani di seta nera e Cinecircolo Romano


Come si costruisce un palinsesto? Qual è il futuro della fruizione televisiva e cinematografica? Attorno a queste domande si è snodato il momento di riflessione e confronto tenutosi ieri sera nell’ambito della MasterClass “Palinsesti televisivi”organizzata dal Festival internazionale del film corto Tulipani di seta nera e dal Cinecircolo romano nella splendida cornice del Cinema Caravaggio di Roma.

All’incontro, moderato da Catello Masullo, giornalista cinematografico e presidente Cinecircolo romano, hanno partecipato Diego Righini e Paola Tassone, rispettivamente Presidente e Direttore artistico del Festival dei Tulipani di seta nera, e Laura Bortolozzi, autrice del libro “Il mio palinsesto”.




Con il Festival dei Tulipani di seta nera cerchiamo di dare qualcosa in più allo strumento del cinema. Cosa fa il cinema per la società? Come incide? – dichiara Diego Righini Stasera facciamo un passo avanti, spiegando come si arriva ai palinsesti televisivi, un traguardo pari alle sale cinematografiche”. “La nostra manifestazione è una vetrina e un punto di partenza per molti cortometraggi – continua Paola Tassone - Premiamo il lavoro che c’è dietro e che li porterà sul grande ma anche sul piccolo schermo”.

Il mio palinsesto” di Laura Bortolozzi, che per anni ha lavorato a Rai1 curando l’area cinema e prodotto d’acquisto e disegnando palinsesti, ha dato lo spunto per una serie di riflessioni e considerazioni sul futuro dell’offerta televisiva. “E’ difficile fare previsioni per il futuro ma per certo la realtà sempre più massiccia delle piattaforme non lineari e con i relativi e nuovi dati di rilevazione certamente metteranno in discussioni vecchie politiche e nuove alleanze creandone per esigenza delle altre e così di seguito, sino ad arrivare al raggiungimento di nuovi equilibri. Come poi il prodotto, attraverso questo genere di fruizione, verrà presentato è un altro punto interrogativo. Oggi la televisione lineare per certi versi è in grado di esaltarne di molti… La vetrina sicuro non lo potrà fare… Occorrerà trovare nuovi metodi per veicolare i messaggi che ora sono decodificati in “a” e tradurli in “b”… Interessante sarà il come… ” commenta Bortolozzi.

La MasterClass “Palinsesti televisivi” andrà in onda il prossimo 21 dicembre, alle ore 21, all’interno della trasmissione “Scienza e Lavoro” su One TV (canale 86 del digitale terrestre e Sky 828).
 
< Prec.   Pros. >
 
© 2018 Il Parere dell ingegnere

Il Parere dell'Ingegnere è una testata giornalistica registrata con Autorizzazione del Tribunale di Roma N. 500 del 29/12/2006
ISSN 2281-5554