COSTITUITO IL GRUPPO ROTARY ROMA UNESCO PDF Stampa E-mail

COMUNICATO STAMPA

A Roma, il 12 maggio 2018, è stata firmata la Carta Costitutiva del Gruppo Rotary Roma Unesco a cui hanno aderito 20 Club Rotary romani , oltre al Roma Foro Italico capofila, Roma Appia Antica, Roma Cassia, E-Club Of Roma, Roma, Leonardo da Vinci, Roma Mediterraneo, Roma Olgiata, Roma Parioli, Roma Polis, Roma, Roma Capitale, Roma Centenario, Roma Est , Roma nord Est , Roma Nord Ovest , Roma Ovest , Roma Sud , Roma Tevere , Roma Colosseo, Roma Acquasanta. Nel corso della costituente è stato eletto un Direttivo Costituente e un Comitato Scientifico il cui coordinamento è stato affidato alla Prof.Arch.Tatiana Kirova ( del R.C.Roma Est), Ordinario di Restauro-Politecnico di Torino. Il primo impegno in cui si è cimentato il gruppo è il Progetto ”Roma Caput Mundi Patrimonio Unesco” per l’incontro internazionale “Unesco Historic Cities Heritage of Peace” che si tiene nei giorni 26-28 aprile 2019 a Zamosc–Polonia (che segue quello di Urbino-2013, di Istambul-2015, di Firenze-2017, in vista del prossimo 2021, di nuovo in Italia)...

Il gruppo di studio Rotary Roma Unesco, avendo sviluppato le più significative problematiche e criticità su Roma ritiene che la città, per la sua complessità urbana e per la sua storia, da sempre punto di riferimento mondiale di studio per la vastità e continuità del suo patrimonio archeologico, architettonico ed urbano possa considerarsi un insostituibile laboratorio a cielo aperto, in grado di fornire interessanti riferimenti anche le altre città iscritte nella WHL Unesco. Si ritiene quindi che la sintesi rotariana possa costituire un interessante documento di riferimento e di studio anche a livello internazionale. Inoltre il Piano di Gestione di cui il sito è fornito dovrà essere adeguatamente sviluppato dall’Amministrazione di Roma Capitale, designata dai due stati (Repubblica Italiana, Città del Vaticano) come responsabile della valorizzazione e gestione della città storica e del territorio di sua pertinenza.


ROMA CAPUT MUNDI PATRIMONIO UNESCO

Il contributo al Piano di Gestione Unesco per la città di Roma e per il suo territorio storico di pertinenza affronta, insieme con gruppi di giovani neolaureati ed esperti nelle diverse discipline – dal rilevamento architettonico e urbano, dalla storia della città al restauro nelle sue diverse accezioni, architettonico, urbano, ambientale e territoriale. La fase del Piano di Conoscenza nel Piano di Gestione Unesco individua così le principali testimonianze architettoniche e gli spazi urbani, attraverso la loro contestualizzazione e illustrazione che caratterizzano il Patrimonio Identitario di Roma. Sono stati dunque tracciati i principali Itinerari Tematici, dall’Archeologia Urbana al Verde Storico, dall’impianto Medioevale a quello Rinascimentale, dal Barocco all’espansione Ottocentesca. Di conseguenza sono stati raccordati nel Piano della Valorizzazione i più significativi esempi di intervento già sviluppati nella città: dal “Restauro d’Arte”, al “Restauro Multimediale” e al “Restauro Virtuale”, analizzando il Patrimonio Materiale e Immateriale che definisce l’identità urbana. Attraverso la ricerca sul “Paesaggio Storico Urbano” sono stati riscoperti i fili della storia antica e moderna, tra mito e realtà, al fine di individuare il “Paesaggio Culturale”. Esso è stato definito anche attraverso l’analisi delle Vie d’Acqua, Tevere e Aniene, e delle Vie di Terra che raccordano in un unico territorio storico di riferimento Roma, Tivoli, Ostia e i centri etruschi di Tarquinia e Cerveteri, tutti siti iscritti nella World Heritage List dell’Unesco, collegandoli, attraverso le grandi e storiche Vie Consolari – Appia, Aurelia, Cassia e Flaminia –, alle altre grandi città europee del Patrimonio Unesco. Il materiale prodotto e che sarà portato al convegno di Zamosc comprende 3 filmati e 12 Poster che, sinteticamente, riguardano:
Il Paesaggio Culturale: Gli itinerari storici tra le vie fluviali (Tevere e Aniene) e tracciati stradali (Vie Consolari) Coordinamento Prof. Tatiana Kirova, Politecnico di Torino
Il Paesaggio Storico Urbano: Itinerario Archeologico e Verde Storico / Itinerario Medievale /Itinerario Barocco Coordinamento Prof. Arch. Tatiana Kirova Politecnico di Torino 
Il Piano della Conoscenza: Continuità nel tempo di una città complessa / Individuazione del Paesaggio Urbano Coordinamento Prof. Arch. Maria Grazia Turco, “La Sapienza” Università di Roma 
Il Piano della Valorizzazione: Aree Archeologiche / Oltre il Restauro tra Mito e Realtà Coordinamento Prof. Arch. Maria Grazia Turco, Università di Roma.
Itinerari Architettonici dal Medioevo al Rinascimento: Rione Trastevere . La Basilica di S.Maria in Trastevere . Chiostro di San Cosimato . Palazzo e Torre degli Anguillara Coordinamento Prof. Arch. Mario Docci, Emerito “La Sapienza” Università di Roma 
Roma Barocca: Itinerario 1, Il Tridente; Itinerario 2 Patrimonio identitario:San Pietro. Itinerario 3 Sisto V e le tre Basiliche Coordinamento Prof. Arch. Calogero Bellanca, “La Sapienza” Università di Roma
Roma dell’Ottocento: Direttrici Barocche ed estensione del Quartiere Esquilino Coordinamento Arch. Carmelo G. Severino, Rotary Club Roma Parioli

Grazie per l'attenzione Gruppo di Lavoro Rotary Unesco Roma

 
< Prec.   Pros. >
 
© 2019 Il Parere dell ingegnere

Il Parere dell'Ingegnere è una testata giornalistica registrata con Autorizzazione del Tribunale di Roma N. 500 del 29/12/2006
ISSN 2281-5554