INARSIND® CONVENZIONI al 14-05-2021 PDF Stampa E-mail

 INARSIND® ASSOCIAZIONE DI INTESA SINDACALE DEGLI ARCHITETTI E INGEGNERI LIBERI PROFESSIONISTI ITALIANI 00144 ROMA - Viale Pasteur, 65 Aderente Associato Tel. +39 06 81157730 www.inarsind.org - Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo www.

 

INARSIND® CONVENZIONI al 14-05-2021

Blumatica opera nel settore dello sviluppo di software per l’edilizia e la sicurezza e concede agli iscritti INARSIND® uno sconto del 10% sui prezzi di listino accedendo direttamente al seguente link: https://www.blumatica.it/page/promo-sconto10- corsi-sw-inarsind/ La promozione non si applica ai software cloud, agli aggiornamenti ed ai contratti di aggiornamento e noleggio. Le promozioni Blumatica non sono fra loro cumulabili. P-Learning, azienda certificata attiva dal 2008 nella realizzazione di corsi di formazione a distanza (FAD) concede agli iscritti INARSIND® uno sconto del 20% sui prezzi di listino. I corsi verranno acquistati dagli iscritti accedendo direttamente sul sito....

Leggi tutto...
 
ITALIA NOSTRA ROMA: FERMARE IL TAGLIO DI ALBERI E VEGETAZIONE ALLA EX SNIA PDF Stampa E-mail

COMUNICATO STAMPA

10.05.2021

 

APPELLO DI ITALIA NOSTRA ROMA A TUTTE LE ISTITUZIONI

ROMA CAPITALE, REGIONE LAZIO, ROMA NATURA E SOPRINTENDENZA MIC

PER FERMARE IL TAGLIO DI ALBERI E VEGETAZIONE ALLA EX SNIA E SALVAGUARDARE L’AREA

 

             E’ ancora in corso, nonostante la protesta di Italia Nostra Roma e molte associazioni e comitati, il taglio degli alberi e della vegetazione nell’area dell’ex fabbrica Snia a Largo Preneste, adiacente al Monumento Naturale già istituito dalla Regione Lazio con Decreto del 30.06.2020, e sulla quale Roma Natura ha recentemente confermato la necessità di estendere il perimetro.

 

Il Decreto regionale non è stato accompagnato dai necessari provvedimenti di tutela dell’area in questione, quali l’adozione da parte di Roma Capitale di una Variante urbanistica di salvaguardia e l’estensione della Rete Ecologica sull’area in questione.

 

Nelle settimane scorse è continuato l’abbattimento di alberature e della vegetazione sviluppatasi nel corso degli anni in questa area, compromettendo in modo irreversibile la natura dei luoghi.

 

In attesa che possano essere effettuate le necessarie verifiche circa la legittimità delle operazioni in corso anche da parte della Soprintendenza di Roma (l’area è infatti tutelata da vincolo paesistico, Italia Nostra Roma chiede nuovamente alle istituzioni interessate, ed in particolare a Roma Capitale ed alla Regione Lazio, l’adozione dei seguenti provvedimenti:

Leggi tutto...
 
ITALIA NOSTRA ROMA: BANCHINE DEL TEVERE::UNA “PECIONATA” PDF Stampa E-mail

COMUNICATO STAMPA

04 maggio 2021

 

BANCHINE DEL TEVERE:

PERCHE’ LA CAPITALE D’ITALIA DOVREBBE ACCONTENTARSI DI UNA “PECIONATA”?

 

 

La brutalità dell'intervento sulle banchine del Tevere sarà mitigata "solo" dal colore, vale a dire "cerottini per un massacro".

Italia Nostra Roma aggiunge che il pessimo lavoro "di rifacimento" è la classica “pecionata” romana alla quale non intendiamo abituarci.

Qualche considerazione:

- il materiale che costituisce i sampietrini è selce, materiale vulcanico duro e assai poco poroso, l'asfalto, buttato sopra, prima o poi si staccherà e alla prima onda di piena scivolerà a fiume aumentando l'inquinamento;

- l'uso dell'asfalto non è per nulla naturale in una nazione che tenderebbe, a parole, alla transizione ecologica.

Leggi tutto...
 
Maggio, di buone nuove? di Armando Lostaglio PDF Stampa E-mail

                                          Maggio, di buone nuove?

 

di Armando Lostaglio  

 

“Ben venga Maggio e il gonfalone amico, ben venga primavera, il nuovo amore getti via l'antico nell' ombra della sera...” E’ “La canzone dei dodici mesi” che il poeta Guccini cantava in una lontana stagione di belle speranze (chissà quanto tradite): era il 1972, e i giovani nutrivano pensieri e canzoni, e poi ammiravano le “vaghe stelle dell’Orsa”.

Troppi anni ci separano da quelle stagioni nelle quali si aveva l’ambizione di costruire la storia giorno per giorno. Tutto sembra ora affievolito da una consuetudine che non lascia molto spazio alla costruzione del Nuovo. Sembra pure che possa accadere qualcosa in una società apparentemente in movimento, eppure tutto si consuma nel più breve lasso di tempo. Ci si guarda intorno in questi borghi che sembrano avviluppati in spirali dinamiche, eppure sono immobili: il tempo passa su di essi lasciando un segno spesso deleterio. La linfa vitale, quella dei giovani che dovrebbe sorreggerne le ambizioni, è talvolta soggiogata come per una infausta legge di contrappasso. Sovvertire questo tempo infausto, che infetta con il corpo anche i rapporti umani. Sovviene un verso terribilmente bello: “i minimi atti, i poveri / strumenti umani avvinti alla catena / della necessità, la lenza / buttata a vuoto nei secoli”. E’ di un poeta del secolo scorso, Vittorio Sereni (era amico di Sinisgalli). Parole gravi che potrebbero condurci ad una maggiore riflessione sul tempo corrente, e in particolare nei nostri borghi persino quando si decide (fra pochi giorni) il futuro di un luogo che, almeno apparentemente, sembra vocato a cambiare. I nostri luoghi avranno pure un nome, gravitano attorno ad un monte alato che da lontano appare come un avvoltoio, così almeno lo hanno visto i latini: Vultur lo chiamavano.   

Leggi tutto...
 
Sostegno di Federfarma Salerno all'Animass : Sindrome di Sjögren PDF Stampa E-mail

Federfarma Salerno

 

Sostegno di Federfarma Salerno all'Animass.  L’associazione chiede il riconoscimento della Sindrome di Sjögren primaria sistemica nel Registro Nazionale delle Malattie rare

Dal 2005, A.N.I.Ma.S.S. ODV (Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren) si batte per il riconoscimento della Sindrome di Sjögren Primaria sistemica come patologia rara, chiedendone l’inserimento nei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e nel Registro Nazionale delle Malattie rare, presso l’Istituto Superiore di Sanità. Una richiesta, purtroppo, ancora oggi inascoltata: un grido di speranza che se solo trovasse accoglimento permetterebbe ai malati di usufruire dell’esenzione sanitaria per tutte quelle prestazioni che riguardano la diagnosi, il monitoraggio e la prevenzione di eventuali peggioramenti della malattia. Sono circa 10/16 mila le persone in Italia affette dalla Sindrome di Sjögren, una piaga silenziosa che colpisce in nove casi su dieci la popolazione di sesso femminile. La Sindrome di Sjögren è una patologia degenerativa di natura autoimmune che attacca le ghiandole esocrine e puo’ provocare secchezza degli occhi, della bocca, del naso, dei genitali; può colpire organi vitali come il cuore, fegato, pancreas, ecc. e coinvolgere l’apparato osteo-articolare, cardio-vascolare e polmonare. Può degenerare in linfoma con il rischio di mortalità (5/8%). Tra le malattie autoimmuni è quella con il più alto rischio di linfoproliferazioni (44 volte superiore alla popolazione normale).

Leggi tutto...
 
 
© 2021 Il Parere dell ingegnere

Il Parere dell'Ingegnere è una testata giornalistica registrata con Autorizzazione del Tribunale di Roma N. 500 del 29/12/2006
ISSN 2281-5554